Polispecialistico

Vai ai contenuti

Menu principale:

Dr. Luigi Bertossi

Sessuologia

Dott. Bertossi Luigi

Via Statale Regina 58
22010 - Carlazzo (CO)


Obiettivo Benessere Sessuale

Il benessere sessuale è una condizione psicofisica positiva, individuale e di coppia, derivante da un’attività sessuale condivisa in modo piacevole e appagante; come qualunque aspetto della salute, esso incide profondamente sulla qualità
della vita, investendo positivamente la dimensione emotiva, sociale e fisica della persona.

Purtroppo questo non sempre accade: l’attività sessuale spesso è caratterizzata dalla presenza di disturbi o disfunzioni che impediscono o rendono problematico
il rapporto sessuale.

Naturalmente perché si possa parlare di disturbo sessuale non è sufficiente l’osservazione di qualche episodio disfunzionale; è necessaria una certa frequenza o ricorrenza delle difficoltà lamentate.

Per delineare i disturbi o disfunzioni sessuali, è utile partire dalla rappresentazione della risposta o
funzione sessuale che in entrambi i sessi viene descritta da A. Graziottin (2007) con un modello circolare in
cui si integrano quattro distinte fasi, strettamente connesse e necessarie l’una per il verificarsi dell’altra successivamente (E. Iannini). Esse sono:
Fase del Desiderio
:  contraddistinta  dalle fantasie e dai desideri circa l’attività sessuale. Essa ha inizio attraverso alcune stimolazioni della sfera sessuale di tipo fisico (baci, carezze ecc.) e di tipo psicologico (pensiero/desiderio  di baciare, toccare ecc.).
Fase dell’Eccitazione
: caratterizzata dalle sensazioni di piacere sessuale e dal momento di massimo eccitamento psicofisico. In questa fase si verificano importanti modificazioni fisiologiche a livello genitale e vengono avvertite sensazioni piacevoli di calore,
di ipersensibilità cutanea ecc.
Fase dell’Orgasmo
: costituita dal picco più alto di piacere sessuale. Essa corrisponde nell’uomo all’eiaculazione e nella donna alle contrazioni ritmiche delle pareti vaginali,
all’aumento del battito cardiaco, al respiro più frequente e a sensazioni e pensieri piacevoli
e di benessere.
Fase della Risoluzione
: rappresentata da una sensazione di rilassamento muscolare e di benessere psicofisico generale.

Orbene, le disfunzioni sessuali possono caratterizzare una o più delle fasi appena descritte; abbiamo infatti:

Disturbi del desiderio
: disturbo da desiderio ipoattivo (il più frequente nelle donne: 25/30%) e disturbo da avversione sessuale.
Disturbi dell’eccitazione sessuale
: disturbo dell’eccitazione sessuale nella donna  e disturbo dell’erezione (DE) nell’uomo: presente in 3 milioni e mezzo di uomini che comporta l’incapacità di raggiungere o mantenere un’erezione adeguata ad ottenere un rapporto sessuale soddisfacente per entrambi i partner.
Disturbi dell’orgasmo
: eiaculazione precoce (EP) nell’uomo. È il disturbo sessuale più diffuso in ambito maschile; l’EP è costituita da una persistente o ricorrente eiaculazione con minima stimolazione sessuale, prima, durante e dopo la penetrazione e comunque prima che la persona lo desideri. È il grande killer dell’intimità di coppia (Graziottin
e Iannini). Di essa soffrono quattro milioni di italiani tra i 18 e i 70 anni di età. E’ più corretto dire 4 milioni di coppie in quanto l’eiaculazione precoce è un disturbo che colpisce la coppia nella sua più profonda intimità e non solo l’uomo.
Anorgasmia o frigidità nelle donne
; è la difficoltà a raggiungere l’orgasmo o l’assenza totale
di esso; il disturbo riguarda 4 milioni e mezzo  di donne.
Disturbi sessuali caratterizzati da dolore
: dispareunia maschile e femminile che rende il rapporto sessuale doloroso e vaginismo. Esso consiste in una contrazione involontaria dei muscoli che circondano
la vagina, rendendo difficoltosa o impossibile la penetrazione; è presente in 1 milione
di donne italiane.

Come si è visto, i disturbi sessuali sono molto diffusi: ne soffrono complessivamente 16 milioni
di italiani, uomini e donne, ma il dato numericamente così rilevante, di fatto non è seguito da una ricerca
di soluzione o da una richiesta di aiuto.

Inibizioni, paure, tabù, difficoltà emotive rendono estremamente difficile l’avvio di una consulenza specialistica in questo ambito  della  sfera  intima.  C’è il rischio così che si venga a creare un empasse, una condizione di stallo nella relazione di coppia, fonte di
frustrazione e sfiducia nella propria competenza erotica nell’uomo e caduta e perdita del desiderio sessuale nella donna, a causa della persistente insoddisfazione.

Cosa fare?

Il primo passo da compiere è prendere atto e affrontare senza indugio il problema cercando di superare il senso di vergogna che impedisce di rivolgersi allo specialista: chiedere aiuto è un autentico gesto di amore.

Per quanto riguarda questo aspetto le donne appaiono sensibilmente più disponibili e più attive dei maschi, meno inibite, meno “frenate” nel chiedere aiuto al medico o allo specialista. Forse perché ora sono più consapevoli del diritto alla gioia sessuale e quindi motivate a superare le difficoltà personali o quelle
del partner per raggiungere o recuperare un’intesa sessuale gratificante, fonte di benessere.

Quali sono i fattori che determinano i disturbi sessuali?


Per rispondere alla domanda è opportuno risalire alle caratteristiche della sessualità umana. Essa è
(a) multifattoriale e (b) multisistemica. Multifattoriale in quanto ad essa concorrono fattori biologici, psicoemotivi e culturali. Multisistemica in quanto dal punto di vista biologico essa dipende dal sistema
nervoso, vascolare, ormonale, muscolare, metabolico e immunitario (Graziottin 2012).

Un quadro di così evidente complessità esige necessariamente un approccio conoscitivo multidisciplinare; i disturbi sessuali non possono essere affrontati in modo unilaterale; essi  devono  prevedere una molteplicità di approcci e di rimedi, in risposta alla molteplicità dei fattori che li determinano.

La sessualità umana è il terreno di incontro per eccellenza della medicina e della psicologia, dove si può ricomporre e superare il dualismo tra mente e corpo e restituire alla persona la sua unicità e integrità.

Dalla condivisione di queste convinzioni e dal desiderio di valorizzare l’apporto di esperienze cliniche maturate  in ambiti diversi, si è recentemente costituito presso il Polispecialistico San Lucio di Carlazzo un team interdisciplinare di lavoro, formato da un ginecologo (dott. D. Codella) uno psicologo (dott. L. Bertossi) e  un urologo (dott. R. Galdini) per fornire un possibile rimedio ai problemi di natura sessuale e restituire così all’individuo e alla coppia una condizione di benessere   e una qualità di vita migliore.

Se dopo aver letto l’articolo pensi che l’argomento possa essere di tuo interesse, prendi contatto al N. 348-7117579 e chiedi un primo colloquio di accoglienza con il dott. Luigi Bertossi, psicologo e psicoterapeuta del team.


Torna ai contenuti | Torna al menu